L’inverno se ne sta andando
Un altro freddo e vuoto
Nelle fessure di ghiaccio vivo
stanno nascendo gocce
d’acqua pura e limpida
che richiamano al ritorno la vita
ed i campi si stanno risvegliando
in un immenso mare di papaveri
nel ondulare del grano nel vento
Sopra le nuvole
ci sono orizzonti sconfinati
di cielo blu
La primavera e arrivata
Invece dentro me sento
che mi manchi tu
e l'ombra felice del tuo volto
mi e rimasta solo come ricordo
di quei giorni vissuti d’emozioni
Mi manca la tua luce
che illuminava sempre di nuovi colori
la mia stanca presenza
Mi manchi tu
come un sorso di vita appena raccolta
come il ripetuto corteggiarsi
delle rondini in volo
come la bellezza
dei sguardi abbassati
e nascosti nella vergogna infantile
come alcune piccole verita
e qualche
grande parola di passione
L’estate verra
e con lei
i caldi raggi di sole
a scaldarmi l’anima svogliata
che sara sempre piu sopraffatta
dalla tua assenza

Prevod poezije Rdeèi mak – M. Zorn (2002)


Noi due da soli
negli occhi delle stelle lontane
con il freddo della notte addosso
percorrendo sentieri selvaggi
tra precipizi e valli innevate
Sfiatati nell'anima
da pensieri colmi di passioni
Attratti da sentimenti
e costantemente
inseguiti da ricordi
Consapevoli poi
di dover accettare silenti
i giudizi severi del tempo
Noi due da soli
negli occhi delle stelle lontane
candidamente catturati
da discorsi ambigui
Con le ali bruciate
e sempre in bilico
tra corsie ed orbite
sul pianeta mal corrisposto
degli amori desiderati

Original v italijanskem jeziku – M. Zorn (2013)


Miran Zorn - Ruj


Mandar giu anche questo sbaglio
cosi come se niente fosse
Dimenticare pian piano le cose
e perdere il sorriso dalle labbra
Sedersi al margine di un fiume
e cercare col pensiero
la sua sorgente
Guardare la valle
dall'alto della montagna
e gioire di quell' attimo
con gli occhi da bambino
vedendo un aquilone nel cielo

Prevod poezije Z oèmi otroka – M. Zorn (2002)


Siamo rimasti da soli
sulla spiaggia abbandonata
con la sabbia
che ci scivola tra le dita
io e te
mia fedele amica
Sto preparando l’addio
nella veste tua
parola a me cara
e troppo abusata
Pertanto invito a me
tutti i vecchi amici
Il sempre presente cielo
pieno di nuvole vaganti
ed il vento prorompente di primavera
il lusso del grano maturo
ed il tumulto dei papaveri in festa
Forse ricorderai compagna mia
sempre presente
come abbiamo ballato
senza conoscere i passi
e senza chiederci
quanto tempo ci resta
e dove egli ci portera
Ma poi dentro noi
questo neanche ci importava
Ora sto partendo
non sapendo cosa ne sara di te
Me ne sto andando
perché non riesco piu a capire
il senso che ti vogliono dare
e perché a noi due
ci sembra giusto cosi
Ed alla mia frivola speranza
non permettero piu che menta
anche se mi ricordo che
ti ho promesso di tornare

Prevod poezije Biti le beseda – M. Zorn (2012)


Tu sei solo l'amore
che vivi tra frammenti di vita e di dolore
Tu sei solo la bellezza
che troppe volte ti perdi nella tristezza

Tu sei l'amore
di tutti gli amori di questo pianeta
che una parola all'altra dolcemente leghi
nei tuoi fragili voli di passioni
insegui la carezza fresca della brezza mattutina
dimenticando le ragioni
E ti tormenti nei sogni
Tu sei l'ideale risveglio dei sensi
senza paure senza pudori
e dentro te e nascosto
il pensiero abbinato alla speranza

Tu sei solo la dolcezza
che come un battito remoto del cuore
dentro me nasci
Tu sei solo la luce del sole
che coi raggi del mattino saluti la notte peggiore

Tu sei l'amore
di tutti gli amori di questo tempo
dove due occhi di fanciulla
nel loro azzurro movimento
danno grazia al brillare delle stelle
che si perdono nel nulla
E nel vestito delle onde del mare
tanti giardini scendono in fiore
prendendo forza dal seme perso nel vento
che poi dentro le carnose labbra tue in movimento
fanno nascere sorrisi rubati alla gioia di essere

Tu sei solo l'eternita
che ai Dei mandi i segnali di nuova vita
Tu sei solo la verita
che non ti dai mai e sai sempre essere giusta

Tu sei l'amore
di tutti gli amori di questo cielo
perche dentro la coppa tua di miele vero
l'anima assopita riconosce l'appartenenza
E la mia sete del corpo tuo
puo solo sentire l'eco della distanza
mentre sottili lacrime cadono nel mare
tu sai che sei l'unico amore che vale
come l'immagine tua rimasta appoggiata su di me
in questi anni ha visuto nella memoria da se

Tu sei solo l'infinito amore
che vivi tra frammenti di vita e di dolore
Tu sei solo l'infinita bellezza
che troppe volte ti perdi nella tristezza

Prevod poezije Ti si ljubezen – M. Zorn (2002)






menu